Contatori visite gratuiti Canzoniere Grecanico Salentino – 9 Novembre | Amici della Musica - Monopoli

Canzoniere Grecanico Salentino – 9 Novembre

Venerdì 9 novembre 2018 Cinema “Vittoria” – (Concerto Evento)
Porta 20:30 Inizio Concerto ore 21:00
Senza titolo-5

In collaborazione con l’AVIS – Sez. “Angelo Menga” di Monopoli

CANZONIERE GRECANICO SALENTINO

Mauro DURANTE – voce, violino
Alessia TONDO – voce
Giulio BIANCO – zampogna, armonica, basso, flauti e fiati popolari
Massimiliano MORABITO – organetto
Emanuele LICCI – voce, chitarra, bouzouki
Giancarlo PAGLIALUNGA – voce, tamburello
Silvia PERRONE – danza

Fondato nel 1975 dalla scrittrice Rina Durante, il Canzoniere Grecanico Salentino è il più importante gruppo di musica popolare salentina, il primo ad essersi formato in Puglia. L’affascinante dicotomia tra tradizione e modernità caratterizza la musica del CGS: il gruppo è composto dai principali protagonisti dell’attuale scena pugliese, che reinterpretano in chiave moderna le tradizioni che ruotano attorno alla celebre pizzica tarantata rituale, che aveva il potere di curare attraverso la musica, la trance e la danza il morso della leggendaria Taranta.
Gli spettacoli del CGS sono un’esplosione di energia, passione, ritmo e magia, che trascinano in un viaggio dal passato al presente sul battito del tamburello, cuore pulsante della tradizione salentina. Guidato dal tamburellista e violinista Mauro Durante, che ha ereditato la leadership dal padre Daniele nel 2007, il CGS continua a innovare e a rappresentare la musica italiana nel mondo, collaborando con artisti del calibro di Ludovico Einaudi, Piers Faccini, Ballake Sissoko, Ibrahim Maalouf, Fanfara Tirana, Stewart Copeland dei Police, e portando la voce di un territorio musicale che con la pizzica ha sempre manifestato la propria identità.
A soli 26 anni Mauro Durante è assistente musicale del maestro concertatore della Notte della Taranta Ludovico Einaudi, lavorando alla creazione e alla produzione artistica dello spettacolo al fianco del celebre maestro. Il Canzoniere apre il Concertone della Notte della Taranta a Melpignano, esibendosi di fronte ad oltre centomila persone. Acclamato da pubblico e critica con 18 album e innumerevoli spettacoli tra Stati Uniti, Canada, Europa e Medio Oriente, il gruppo ha fatto la storia della world music italiana, venendo riconosciuto nel 2010 dal MEI come Miglior Gruppo Italiano di Musica Popolare Questo spettacolo potrebbe essere un viaggio immaginario tra Lecce e New York, in una splendida fusione di stili e influenze in cui i tamburelli si affiancano al piano, la fisarmonica si accosta al synth bass, violino e bouzouky dialogano con la chitarra elettrica. Questa anima cosmopolita trae lo spunto da “Canzoniere”, il nuovo album del Canzoniere Grecanico Salentino. A quarantadue anni di distanza dalla sua fondazione e a due dall’ultimo album “Quaranta”, arriva un progetto innovativo e ambizioso, registrato tra Lecce e New York e ricco di prestigiose collaborazioni internazionali (dalla chitarra inglese di Justin Adams, storico collaboratore di Robert Plant; al cantautore anglo-francese Piers Faccini, passando per il violoncello di Marco Decimo).
Il CGS ci ha sempre abituato a un respiro globale, come dimostrano le entusiastiche recensioni della stampa estera e le partecipazioni ai festival più prestigiosi (negli ultimi due anni sono stati headliner per la world music al WOMAD in Inghilterra e Nuova Zelanda, allo Sziget Festival di Budapest, al Festival Internazionale di jazz Montréal, al Celtic Connections di Glasgow e allo SXSW Music Festival in Texas). Eppure, questa volta, il salto è all’origine: tracciabile negli strumenti e nei testi. Identificabile nel tocco di Joe Mardin, figlio del celebre produttore dell’Atlantic Records Arif Mardin e già produttore di icone come Norah Jones e Arethaì Franklin, che firma la produzione del disco; mentre Joe LaPorta, vincitore di un Grammy per “Blackstar” di David Bowie, ne è l’ingegnere del suono. Nel solco di quella tradizione popolare in cui il canto accompagna costantemente la vita delle persone segnandone i momenti più significativi, l’amore che nasce e che finisce, la vita e la morte, il divino e il quotidiano, oggi il CGS canta il suo Canzoniere: nuovo e travolgente “raccolto di canzoni”. Piantate e coltivate con attenzione e cura, sono state scelte solo dopo essere cresciute e maturate (l’album ha avuto un tempo di lavorazione di due anni).
In Canzoniere si sente l’urgenza di ritrovare la calma come in “Ientu”, ode al valore del silenzio e del respiro. Soprattutto, il bisogno di difendere la propria identità, come in “La ballata degli specchi”, in un mondo sempre più veloce e complesso, così ben descritto nel loop ossessivo di “Quannu te viscu”, C’è la ferma volontà di custodire e proteggere la propria comunità dagli attacchi che sferra la vita, come incita “Lu giustacofane”, primo video dell’album, abbiano questi la violenza della Xylella che continua a sterminare gli ulivi, o la spregiudicatezza degli interessi economici della TAP (Gasdotto Trans- Adriatico) che vuole approdare sulle coste del Salento.
Così il potente groove percussivo di “Con le mie mani”, impreziosito dal violoncello di Marco Decimo, sprona a credere in noi stessi; mentre “Subbra Sutta”, in cui la voce salentina di Mauro Durante si incrocia con l’inglese di Piers Faccini, è un invito multilingue a vivere la vita con pienezza e senza timore. Ci sono le influenze dell’Occidente e dell’Oriente, fino ad arrivare alle tradizioni dell’antica Grecia cantate in “Aiora” – ovvero “altalena” in Griko – una pizzica dai colori scuri in cui organetto, violino e bouzouki si confrontano con il violoncello di Marco Decimo e la chitarra elettrica di Justin Adams. Il cuore del CGS rimane ancorato ai suoi ulivi secolari e alla sua tradizione di terra di mare. Ma sfrutta al massimo quella sua naturale tendenza a sintetizzare culture diverse, per trascinare l’ascoltatore in una dimensione differente, tra ballate dolci, pizzica e pop anthemico.

Programma
1. Quannu te visciu
2. Ientu
3. Lu Giustacofane
4. Con le mie mani
5. Tienime
6. Moi
7. Pizzica de sira
8. Aiora – feat Justin Adams
9. Subbra sutta – feat Piers Faccini
10. La Ballata degli Specchi
11. Sempre cu mie
12. Intra la Danza

Tutti gli eventi